ANDREA COVA

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

RAINBOW PORTRAITS

 

Mesi di lavorazione, un percorso nato dal desiderio di riportare il tema del personale orientamento sessuale ad un livello di "normalità" così come dovrebbe essere vissuto in una società priva del cromosoma del pregiudizio nel suo D.N.A., quindi al di là di ogni spettacolarizzazione o prurito voyeristico innescato dagli odierni sensazionalismi mediatici. L'autore cala nella mischia di uomini, donne, ragazzi, ragazze, omo, bi, etero, single o in coppia, che ritrae a mezzo busto o in primo piano: ne nasce una grande e unica entità. Non c'è più scusa, non c'è più causa o ragione per cui uno solo di quei volti, e la sua sessualità e storia personale, possa emergere sulle restanti. Si è tutti sulla stessa barca, sul medesimo piano. E che piova o meno, che poi venga l'arcobaleno, quello sarà comunque sulle teste di tutti. Un lavoro a difesa dell'identità, quella umana semplicemente, nulla più, nulla di meno. A.L.F

 

A workshop accomplished through months which wants to bring the sexual orientation to the step of “normality” – as it should be experienced in a society without sexual prejudice. The author melts photos which portray men, women, boys, girls, homosexual, bisexual, heterosexual, singles or with partners, giving the sense of a big and unique entity. No one may arise for any cause, excuse or reason to the others. There’s a sense of equality. After the rain a rainbow appears over any person. It’s a job in defence of any identity, mostly the human beings, neither more nor fewer.