VALERY VIOLETTA

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

MEMORIA DEL CORPO

 

Il progetto fotografico è un lavoro sulla sofferenza e sul desiderio di distruzione del corpo. Un corpo non amato, considerato a sé, statico, privato della sua funzione vitale. Sulle fotografie appaiono segni, sovrapposizioni di oggetti, cuciture, come ferite, gabbie, lacerazioni. Che siano fisiche o mentali, auto create o subite dall’esterno, in ogni caso restano sulla pelle e nella memoria personale, e con il passare del tempo si frappongono tra la persona e il mondo esterno, come un filtro, una patina , un’ombra, una sorta di protezione, una distanza. Tutte le fotografie sono autoritratti e sono fotografie analogiche, stampate manualmente in una camera oscura casalinga, con un vecchio ingranditore russo portatile. L’effetto sfocato e offuscato è voluto, ed è stato ottenuto usando l’obiettivo dell’ingranditore con le lenti sporche e appannate. Gli effetti di sovrapposizione sono stati ottenuti posizionando sulla carta fotografica, in fase di stampa, pellicole trasparenti cucite, filo, carta da lucido, plastica, in modo che la luce trovasse un ostacolo prima di impressionare l'immagine.

BODY'S MEMORY

 

The project is a work about suffering and the wish of destruction of the body. A not loved body, static, without is vital function. On the photos there are marks, superimposed objects, stitchings, as injuries, or cages. Phisical or mental conditions, self-created or suffered, they remain on the skin and in the personal memory, and with time they becam like a filter, a shade, a kind of protection, a distance, between the person and the world. All the photos are self portraits, and analog photos, hand made printed in a homemade dark room, with an old small russian portable enlarger. The blurry effect is wanted, it has realizad using the objective lenses dirty and clouded. Overlay effects have been obtained by positioning on the photographic paper, when printing, sewn transparent films, sewing tread, tracing paper, plastic, so that the light could find an obstacle before impress the image.