DANIELA INNOCENZI

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

WHITE JACQUELINE

 

"Un progetto di immagini nascoste in una scatola nera, che tirano fuori l'espressività di ognuno di noi. "Ti prego Guido non mandarmi di sopra!" erano le parole di "8 1 /2. "White Jacqueline " è uno dei photoshooting realizzati in luoghi segreti nelle notti, dove Daniela Innocenzi con estrema cura e attenzione ferma i gesti di corpi in movimento; Annalaura Vinti li dirige e li immerge in questo mondo utopico. Ogni scatto cattura il sorriso e lo sguardo di questi attori casuali che si lasciano fotografare. Le foto in bianco e nero rimandano alle scene memorabili del film che rappresentano le caratteristiche di tutte le donne. La cornice surreale creata appositamente per il progetto ha richiesto ai protagonisti l'abbandono della realtà per entrare nel mondo dei sogni: un mondo sconosciuto, visionario dove l'immaginario diventa realtà fissata in un istante. 


A project made of images hidden inside a black box, that bring out expressiveness in each of us. "Please, Guido, don't send me upstairs!" ...says the dialogue in 8 1 /2. "White Jacqueline" is the title of one of the photo sessions, shot in secret places in the night, where Daniela Innocenzi meticulously and attentively freezes the gestures of moving bodies; Annalaura Vinti directs them, and plunges them into this utopian world. Every shot captures the smile and gaze of these improvised actors, who allow themselves to be photographed. The black-and-white photos are a nod to memorable movie scenes which represent the characteristics of all women. The surreal setting, custom made for the project, let the protagonists abandon reality and enter the dream world: a world that is unknown, visionary, where imagination becomes reality captured in one instant. 


Scenografie: Annalaura Vinti Location: Rec Room // Serendipity Club