CRISTINA RIZZI GUELFI

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

DARE FRUTTO AD UNA MASSICCIA DOSE DI FIORI DI BACH


Pressapochismo a dosi omeopatiche. 
Tutta quella morte condensata e senza preamboli, di quella massa passionale di vita degenerata e pulsante. Come della muffa in un pentolino del campeggio. Stanando aureole stregate e piattume cittadino; i toni troppo torreggianti, reclamando una dose quotidiana di squallore e sguardi criminali, decoro grasso. Come il finale del primo racconto del "il muro" di Sastre e la descrizione tremenda di una semplice stanza da letto. La follia che prende piede e la parte sulle statue volanti. Un'immagine da portarsi dietro, magari nascosta tra ciglia invadenti: "le statue volavano basse e leggere: ronzavano. Eva sapeva che avevano un'aria maliziosa e che ciglia vere uscivano dalla pietra intorno ai loro occhi; ma non se le rappresentava bene". Sono morta annusandomi i capelli. Da bambina pensavo di rimanere intrappolata nella morte in preda di pensieri importanti . Pensavo di avere il tempo e la voglia di mettere in fila le foto ricordo, di tirare le perline colorate delle vacanze e sommare le angherie e i pesi delle mie mani. Sono morta, come le mosche, come la frutta nella dispensa, pensando all'odore di fragola del mio balsamo per capelli, tutto qua.


All that Death,frozen still.Not a warning.Hunting down,unearthing hexed halos and suburbian's flatness.An harsh strong voice towering over,reclaiming His daily fix of petty squalid deeds and criminal's glance in a greasy attire.An image taken with you,hidden behind invasive eyelashes extension.Just like the ending words of the first short story from "Le mur" by JP Sartre,"...""le statue volavano basse e leggere: ronzavano. Eva sapeva che avevano un'aria maliziosa e che ciglia vere uscivano dalla pietra intorno ai loro occhi; ma non se le rappresentava bene". I died smelling my hair. As a child my thoughts were about being trapped by Death,haunted by really serious worries.Thought I had the time to put together,in a straight line all the old pictures in my memory,throwing colored beads from long gone holidays,the amount of strain on my heavy hands.l am dead.dead like a fly,dead as the fruits in my cupboard,thinking of the strawberries scent of my hairconditioner.That's all folks.